Tari - AMBIENTE

logo_ambiente

Menú de navegación

headerpagprofilo

L'energia che unisce

Ruta de navegación

Tari

Tari

A decorrere dal 1 Gennaio 2014 è stata istituita nel territorio del Comune di Varese, ai sensi dell’art.1, commi 639 e seguenti, della legge n° 147/2013 e successive modifiche ed integrazioni, la Tassa sui Rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani. Acsm Agam Ambiente, nella sua veste di gestore del servizio di Igiene Ambientale, ha ricevuto l’incarico di svolgere anche le attività amministrative ordinarie di tale tassa. La Tari è dovuta da chiunque possieda, occupi o detenga, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Nel caso di occupazione temporanea non superiore ai 6 mesi nell'arco dello stesso anno, la TARI non è dovuta dall'affittuario ma da chi ha la proprietà dei locali o delle aree. La tassa si compone di una parte variabile, determinata dal numero degli occupanti, e di una parte fissa, ottenuta moltiplicando la tariffa per la superficie calpestabile.

Tipologie

Esistono due tipologie di Tari:

  • 1. Tari - utenze domestiche: abitazioni, garage, cantine, solai, posti auto coperti, ecc.
  • 2. Tari - utenze non domestiche: attività commerciali, industriali, artigianali, professionali, strutture pubbliche, onlus, ospedali, impianti sportivi ecc.

Immobili non soggetti a tassazione

Non sono soggetti a tassazione:

  • locali con altezza inferiore ai 1,5 mt.
  • locali tecnici quali le cabine elettriche, i vani ascensori, i locali contatori ecc.
  • locali nei quali si producono, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali non assimilati, allo smaltimento dei quali provvedono, a proprie spese, i produttori dei rifiuti stessi
  • i balconi, le terrazze scoperte, i posti auto scoperti, i giardini e i parchi
  • le aree comuni condominiali, di cui all'articolo 1117 del Codice Civile, che non siano detenute od occupate, in via esclusiva, come androni, scale, ascensori, stenditoi o altri luoghi di passaggio o di utilizzo comune tra i condomini.

Immobili soggetti a tassazione

Il cittadino e gli altri soggetti sopra indicati sono tenuti a dichiarare qualsiasi cambiamento della propria situazione abitativa, relativa agli spazi occupati, perché incide sulla tariffa Tari.

Ecco i casi principali:

  • chiunque acquisti o affitti un appartamento/immobile deve presentare, con sollecitudine, la dichiarazione di attivazione;
  • chiunque lasci il proprio vecchio appartamento/immobile deve presentare la dichiarazione di cessazione.
  • Qualora non lo faccia, dovrà continuare a pagare la Tari anche per l’appartamento/immobile che non occupa più.

Non occorre presentare la dichiarazione di cessazione qualora, nell'appartamento/immobile, rimangano utenze attive (es. luce, gas, acqua). In questo caso, infatti, si dovrà continuare a pagare la Tari.

Occorre, sempre, comunicare le eventuali variazioni di metratura perché la modifica della superficie dell'appartamento/immobile determina una variazione della Tari.

Occorre sempre, comunicare anche le eventuali variazioni degli occupanti che non appartengono al proprio nucleo familiare anagrafico ma che sono, a qualsiasi titolo, conviventi.

Aplicaciones anidadas

Grafico Emissione in comune

Parametro Limite
di legge
Media
SO2 50.0 0.0
NOX 120.0 69.8
CO 50.0 5.7
HCI 10.0 0.2
COT 10.0 0.0
POLVERI 10.0 0.2
NH3 10.0 0.1
SO2 50.0 0.0 [] true; true; true; NOX 120.0 69.8 ['SO2'] true; true; true; CO 50.0 5.7 ['SO2', 'NOX'] true; true; true; HCI 10.0 0.2 ['SO2', 'NOX', 'CO'] true; true; true; COT 10.0 0.0 ['SO2', 'NOX', 'CO', 'HCI'] true; true; true; POLVERI 10.0 0.2 ['SO2', 'NOX', 'CO', 'HCI', 'COT'] true; true; true; NH3 10.0 0.1 ['SO2', 'NOX', 'CO', 'HCI', 'COT', 'POLVERI'] true; true; true;
['SO2', 'NOX', 'CO', 'HCI', 'COT', 'POLVERI', 'NH3']
[50.0, 120.0, 50.0, 10.0, 10.0, 10.0, 10.0]
[0.0, 69.8, 5.7, 0.2, 0.0, 0.2, 0.1]
Grafico Emissione Maggio 2020

footer